Apple, 2014: da febbraio solo app per iOS 7

Apple, 2014: da febbraio solo app per iOS 7

Che iOS 7 avesse rappresentato un passo in avanti notevole per Apple era noto a tutti e lo avevamo potuto verificare di prima mano. A Cupertino, però, c’è chi vuole a tutti i costi spingere sull’acceleratore, al punto che la casa californiana ha annunciato che a partire dal 1 febbraio 2014 accetterà unicamente app sviluppate per iOS 7.

Ovviamente ciò non significa che gli utenti che non hanno aggiornato i loro dispositivi all’ultima versione del software rimarranno a bocca asciutta, ma l’asticella della modernità per quanto riguarda i software di Apple si alzerà sempre di più. L’obiettivo è spingere gli sviluppatori ad utilizzare l’ultima versione di Xcode 5, l’unico sistema che consente di creare app ottimizzate per iOS 7. Le app potranno funzionare anche su sistemi più vecchi (anche se non troppo), ma potranno dare il loro meglio solamente sull’ultima edizione del programma, che tra l’altro ricordiamo ha introdotto i processi a 64-bit nel suo “DNA digitale”. Una rivoluzione che Apple vuole assolutamente continuare, anche attraverso le API ottimizzate da lei stessa creata.

Del resto non dovrebbe essere un problema per molti utenti adattarsi a questa novità. Infatti secondo i dati ufficiali di Apple, ormai il 76% degli iPhone, iPad e iPod Touch circolanti ha installato il nuovo sistema operativo, con meno di un quarto di loro rimasti alle vecchie versioni, tra cui anche coloro che per una questione di hardware non possono fisicamente aggiornare (iPhone 3GS, per esempio). Il nuovo iOS 7, quindi, è ufficialmente un successo e tutto il mondo della Mela si sta adattando. Certo, non può piacere a tutti, ma è innegabile che le modifiche apportate da Johnny Ive abbiano ottenuto il risultato sperato: rinfrescare e rivoluzionare il mondo mobile di Apple.

Apple, 2014: da febbraio solo app per iOS 7