Apple: c’è l’accordo con Emi, musica cloud sempre più vicina

L’accordo sarebbe vicino. Anzi secondo gli ultimi rumors della rete Apple ed Emi sarebbero già d’accordo in merito alle nuove licenze che, presto, permetteranno la nascita del servizio di storage online e riproduzione in streaming per l’azienda di Cupertino.

Dopo Warner ed Emi, Apple starebbe già guardando alle altre major discografiche.

Nell’ordine ora tocca a Universal Music e Sony e, se non dovessero sorgere intoppi, l’azienda di Cupertino potrebbe riuscire a presentare il nuovo servizio già al WWDC, in programma tra meno di un mese a San Francisco.

Amazon e Google, dunque, sono avvertite. Il servizio di Apple, infatti, sarebbe estremamente concorrenziale e, proprio grazie alle licenze ottenute, fornirebbe un servizio cloud migliore rispetto a quelli già esistenti, più facile, immediato e veloce nell’utilizzo.

Questo nuovo servizio sarà una sorta di magazzino virtuale dove l’utente può inserire tutti i suoi contenuti per potervi poi accedere di nuovo semplicemente tramite una connessione internet da qualsiasi dispositivo.

Un servizio simile è già presente a livello aziendale per contenuti di backup, ma la vera novità del servizio di musica cloud sta nella natura dei suoi contenuti, in gran parte multimediali, che sarà possibile inserire nello spazio dedicato all’utente.

Se, dunque, già con iTunes Apple era riuscita a ottenere quasi il monopolio nella vendita di musica digitale, Apple adesso si prepara a un nuovo successo con licenze nuove e trasparenti con le principali etichette musicali.

E se il successo dovesse arrivare ai principali concorrenti Amazon e Google non resterà che adattarsi al nuovo trend.