Apple: controllo esclusivo sulle app CarPlay

apple

Dopo il clamore suscitato dalla presentazione di CarPlay, adesso Apple può pensare più serenamente a chiarire quali sono gli ambiti di manovra della sua nuovissima idea per portare definitivamente ed in maniera organica iOS nelle autovetture.

Nelle ultime ore, ad esempio, è stato chiarito quale è l’ambito di sviluppo delle app specifiche da utilizzare su CarPlay. Per le app in questione, infatti, sarà direttamente Apple a decidere: l’azienda, cioè, vuol tenere riservate le API destinate alla gestione dell’accesso all’abitacolo delle automobili. L’informazione è desumibile da una nota ufficiale della Apple riportata tramite Twitter dall’utente Steve T-S.

Nella nota è possibile leggere chiaramente che <<la classe di API MPPlayblecontentmanager che controlla  l’interazione tra una app media e una interfaccia media di riproduzione esterna è usata unicamente da CarPlay>>. Per utilizzarla, dunque, è indispensabile il benestare della Apple. La nota, inoltre, precisa quanto segue: <<Applicazioni senza la debita autorizzazione non appariranno sulla schermata home di CarPlay>>.

Tale iniziativa da parte della Apple può facilmente spiegarsi con lo stretto legame fra CarPlay e la sicurezza dell’automobilista. Avere dinanzi agli occhi app che possono distrarre il guidatore dalla strada finirebbe per essere un ulteriore problema per la sicurezza stradale e, dunque, la sensazione è che Apple si sia voluta tutelare al fine di non avere problemi con la sicurezza stradale.

CarPlay, in ogni caso, sarà comunque ricco di app pensate esclusivamente per il mondo delle auto e della comunicazione; un universo parallelo al normale App Store che, però, non perderà il contatto con il tradizionale iPhone. Non ci resta che toccare con mano tutte le novità.

 

apple