Apple e PrimeSense, è fatta: le cifre dell’accordo

800px-Apple_Headquarters,_Cupertino,_California

E’ fatta: Apple ha comprato PrimeSense dopo molte settimane di discussione relative al prezzo dell’affare. L’azienda finita nelle mani della Mela è quella che ha creato dal nulla il sistema di controllo del movimento Kinect destinato alla Xbox 360 firmata Microsoft.

La notizia, anticipata dal Wall Street Journal, è ormai praticamente ufficiale all’indomani della chiusura delle trattative. A quanto pare la transazione è avvenuta con il versamento di 365 milioni di dollari destinati a PrimeSense da parte della Apple.

Un’operazione significativa sotto molti punti di vista, primo fra tutti lo smacco alla Microsoft che ha visto una delle sue più ambite tecnologie finire nelle mani del nemico.  Quella di oggi non è certo una novità anche se avere fra le mani una conferma è sicuramente più costruttivo ai fini di una notizia puntuale.

Le voci sul passaggio di PrimeSense ad Apple, del resto, erano incominciate già la scorsa estate anche se allora le cifre erano molto più basse rispetto a quelle attuali. La domanda, semmai, adesso è un’altra: cosa farà Apple dopo aver avuto libero accesso a questo tipo di tecnologia?

Una versione maggiormente evoluta del sistema Kinect, infatti, potrebbe essere tranquillamente implementata sulla tanto vituperata Apple TV; alcuni esperti del settore, inoltre, pensano che la Apple voglia invece investire in maniera energica nel settore dei videogiochi. Ultima possibilità, non meno stimolante, riguarda l’iWatch che potrebbe integrare dei nuovi comandi a cui accedere senza sfiorare il device.

Molte possibilità, dunque, per una tecnologia su cui la Apple ha deciso di investire una cifra davvero considerevole.

 

800px-Apple_Headquarters,_Cupertino,_California