Apple evita vie legali accordandosi col dipartimento di giustizia

apple book air

La Apple, tramite un accordo raggiunto con il dipartimento di giustizia, si è salvata dall’essere perseguita legalmente a causa della politica adottata nelle assunzioni.

Il fatto è che non molto tempo fa un gruppo di aziende di tecnologia hanno stretto un accordo nel quale si sono impegnate a non rubarsi  la forza lavoro.

Tra queste aziende figurava anche Apple la quale, come detto prima, aveva aderito all’accordo nel quale si impegnava ad adottare una politica di assunzioni corretta e monitorata per 5 anni dall’antitrust americana.

Il gioco è iniziato nel 2005, quando Apple mise sotto la sigla “non chiamare” la Adobe, evitando cosi, effettivamente, di contattare e sottrarre lavoratori alla Adobe.

Successivamente la Mela ha stipulato lo stesso accordo con Google e Pixar, e  Google a sua volta ha fatto la stessa cosa, oltre che con Apple, anche con Intel e Intuit.

Questo gioco però non è piaciuto al dipartimento di giustizia, che lo ha ritenuto sleale nei confronti della libera concorrenza, e che, di fatto, negava ai lavoratori  la possibilità di poter migliorare il proprio lavoro o di chiedere comunque un aumento.