Apple: l’accordo con Google fa tremare la Samsung

Ad-tech_London_2010_(2)

Diciamoci la verità: l’accordo fra Apple e Google era inatteso e, di conseguenza, ci consente di immaginare scenari che ufficialmente non è possibile palesare. La tentazione di proporre numerose speculazioni in merito alle prospettive aperte da un accordo simile è davvero ghiotta e, del resto, immaginare che Big G accetti di far la pace l’azienda il cui leader definì Android come un nemico da debellare è quanto meno difficile da credere.

Cosa si cela, dunque, dietro questo improvviso accordo fra i due colossi statunitensi i quali, in un comunicato congiunto, si sono impegnati a lasciar cadere i procedimenti pendenti ed a pensare – eventualmente – di concorrere allo sviluppo di nuove tecnologie?

Alcuni analisti hanno ipotizzato che, sullo sfondo, ci sia la temutissima Samsung (come sappiamo, infatti, la Apple ha in corso un’eccellente disputa legale con l’azienda sud-coreana nella quale, tra l’altro, Big G figura nel banco dei testimoni).

Intanto, Google sta per realizzare la sua linea di Device Android Silver che punta a dar del filo da torcere proprio ai device firmati Samsung. Ebbene… questo accordo fra Cupertino e Mountain View è stato letto da più parti come un possibile nuovo muro contro la Samsung dal quale sia Apple che Google potrebbero trarre giovamento: Apple consoliderebbe la sua leadership e Big G avrebbe campo libero per l’avanzata dei suoi device del futuro.

Un’ipotesi, nulla di più, che però spiegherebbe in termini più opportunistici l’accordo che in molti hanno già definito di portata storica. La domanda principe, però, resta la stessa: cosa ne avrebbe pensato Steve Jobs?

 

Ad-tech_London_2010_(2)