Brasile 2014: la FIFA vieta le cuffie Beats Music

640px-Joseph_Blatter_-_World_Cup_2014

Dell’acquisto di Beats Music da parte della Apple ci siamo già occupati a lungo: il colosso di Cupertino ha perfezionato l’acquisto più oneroso della sua storia assicurandosi i prodotti dell’azienda fondata da Dr.Dre e Jovine la quale, attualmente, produce le cuffie più ambite fra giovani e meno giovani.

Beats Music, di fatto, ha messo da parte la moda delle cuffie auricolari riportando in auge i famosi supporti anni ’80, anche se stilizzati ad hoc per essere in linea con i tempi moderni. Beats Music, ovviamente, è in aperta competizione con la Sony in più settori e si dia il caso che proprio la Sony è uno degli sponsor principali del Mondiali di Calcio 2014 che si stanno svolgendo in Brasile.

Ebbene, cosa ha pensato di fare la FIFA?

Semplice: la federazione internazionale che organizza i Mondiali e gestisce il grande giro di affari delle sponsorizzazioni ha sostanzialmente vietato ai giocatori l’utilizzo di cuffie Beats Music sia durante i momenti pre-gara sia durante le attività post-gara.

Un bel guaio per Apple che, del resto, conosce bene le regole del mercato. La FIFA ha diffidato formalmente i giocatori delle squadre partecipanti ai Mondiali di Calcio 2014 dall’utilizzare le cuffie firmate Beats in particolar modo in occasione di match, incontri con la stampa e altre occasioni ufficiali che coinvolgano la Federazione.

La notizia è stata diffusa dall’agenzia Reuters la quale ha spiegato che il provvedimento è stato di fatto imposto dalla Sony la quale aveva stretto chiari accordi con la FIFA. Il gruppo Beats Music, dal canto suo, nelle settimane antecedenti al Mondiale aveva regalato ai giocatori i suoi prodotti sperando che gli stessi li esibissero dinanzi alle telecamere.

Ah, in tutto ciò… durante i Mondiali si gioca anche a calcio. Si gioca, già.

 

640px-Joseph_Blatter_-_World_Cup_2014