Google Wallet Card vs Touch ID: la sfida si sposta sull’e-commerce

376px-Google_Appliance-313x500

Abbiamo la sensazione che, con la Google Wallet Card, Big G voglia attaccare nuovamente la Apple. Lungi dall’essere paranoici, infatti, non possiamo che ammettere che buona parte della sfida del futuro si giocherà sulla smaterializzazione definitiva delle transazioni economiche. Gli acquisti, già perpetrati da parecchio sul web, nel futuro potrebbero svolgersi quasi esclusivamente sfruttando la forza propulsiva di internet e dell’elettronica.

Ebbene, se Apple sta lavorando alacremente al suo Touch ID per rendere possibile ogni tipo di pagamento con le impronte digitali, Big G con la sua nuova Google Wallet Card potrebbe presto offrire un sistema di pagamento più semplice ma molto efficace.

La carta di debito di Big G, infatti, andrà ad affiancare il già famoso borsellino elettronico e consentirà pagamenti veri e propri ed anche prelievi dagli sportelli abilitati. La Google Wallet Card, quindi, presto rappresenterà una carta di debito a tutti gli effetti che avrà lo scopo di far confluire le attività dell’utente a sfondo economico nel mondo di Google.

La tanto chiacchierata Google Wallet Card, infatti, sarà utilizzabile tramite un’app collegata al proprio smartphone e tenterà di essere l’unico strumento scelto dall’utente per effettuare i suoi pagamenti. Un’ambizione molto grande, certo, che permetterà a Big G di non perdere il contatto con il futuro.

Il Touch ID di Apple, invece, di sicuro sarà un sistema sofisticato ed affascinante ma non è detto che sia in grado di conquistare la massa in maniera convincente. Dietro l’angolo, dunque, ci sono gli spettri di Windows ed Android. Che sia davvero la Google Wallet Card il nemico del futuro?

 

376px-Google_Appliance-313x500