Halloween, la zucca più gettonata del web

halloween logo

Ce lo aspettavamo: l’immancabile logo Google per la festa di Halloween. Logo che, se non ricordo male, fu messo online anche lo scorso anno. Questo 31 ottobre 2011 però il logo diventa animato: un gruppo di giovani ragazzi scolpisce sei grandi zucche per ridisegnare le lettere di Google, e rendere omaggio con le “Jack-o-lantern” al celebre motore di ricerca di Mountain View. L’ho visto anche io, dal mio iPad 2, accedendo per primo alla home page di Google.it A proposito, sapete perché le zucche si chiamano “Jack-o-lantern”?

Narra la leggenda che un certo Jack stava ubriaco, e incontrò il Diavolo in un locale per bevitori. Il Diavolo comincia a tormentarlo per prendersene l’anima. Jack gli chiese di trasformarsi in una moneta, cosicché avrebbe potuto acquistare un ultimo drink, e in cambio gli avrebbe dato l’anima. Il Diavolo accettò. Jack però mise la moneta nel borsellino al fianco di una moneta d’argento, di modo che il Diavolo non avrebbe potuto ritrasformarsi. Quest’ultimo però ottenne un compromesso: 10 anni senza tormenti se Jack lo avesse liberato dalla moneta. Jack accettò.

Dopo dieci anni, il Diavolo si presenta di nuovo, ma si fa di nuovo “incastrare” da Jack. Che stavolta lo lascia libero solo in cambio di una nuova promessa: il Diavolo avrebbe dovuto stare alla larga da lui in eterno. Affare fatto! Jack continua la sua vita di vizi e peccati. Una volta morto, arriva all’Inferno, ma il Diavolo, come da patto, lo manda indietro: lui non può stargli vicino per l’eternità. Jack gli fa notare che non avrebbe potuto vagare nel nulla, perché “lì fuori è tutto buio”. Il Diavolo allora gli regala un tizzone ardente, ed una grande rapa, che Jack infilzò sul tizzone e utilizzò a mo’ di lanterna. Da allora, si narra che Jack e la sua lanterna vagasse in giro per l’eternità, in cerca di un luogo dove riposare. Le persone che mettono una lanterna simile alla sua fuori dalla porta di casa, lasciano un segnale: qui dentro non puoi entrare, perché c’è già un’altra anima vagante. Ecco perché gli americani mettono una zucca con la candela fuori dalla porta! La zucca – che prima era una rapa, scomparsa poi per fare economia di raccolti – diventa allora oggi il simbolo di Halloween.

Zucca che è gettonatissima sul web: utilizzando gli strumenti di intelligence di Google, abbiamo scoperto quanto segue: la chiave di ricerca Halloween in Italia è stata inserita in rete circa 200 milioni di volte tra ieri (domenica) ed oggi; si tratta della quarta chiave di ricerca più utilizzata al mondo degli ultimi 7 giorni. Nelle prime ore di questa mattina, le chiavi di ricerca “dolci”, “trucco”, “streghe”, “maschere” e “zucca” hanno visto quasi raddoppiare la propria popolarità in allegato al termine “Halloween”. Insomma, festa di Halloween prima di tutto sul web…e non solo grazie al logo Google!