iCloud: server sotto attacco?

Apple_iCloud

In questi giorni si fa un gran parlare di iCloud e dei suoi avversari in termini di proposta di archiviazione virtuale. iCloud, di sicuro, è una scommessa che la Apple ha lanciato in tempi non sospetti. Purtroppo, come abbiamo avuto modo di segnalare in altre occasioni, alcuni dubbi permangono circa la vulnerabilità del sistema capace di smaterializzare i nostri documenti e renderli reperibili da ogni postazione connessa ad internet.

Ebbene, a quanto pare nelle ultime ore diversi utenti hanno segnalato – attraverso il forum dedicato ad Apple – la compromissione del loro account iCloud. Certo, ad ora il numero delle segnalazioni è esiguo ma è evidente la possibilità che i server possano evidenziare una vulnerabilità sostanziale che sarebbe davvero imbarazzante da spiegare.

Le segnalazioni, ad ora, sono circa cinquanta e, se si pensa ai circa 120 milioni utenti iscritti, rappresentano una parte decisamente inconsistente per allarmare l’utenza. Occorre, però, tener presente i problemi evidenziati dagli utenti coinvolti in modo da non incappare in guai più grossi.

Di sicuro la Apple si chiederà cosa è successo per capire se davvero gli account iCloud, un giorno, potrebbero non garantire più la sicurezza necessaria per offrire agli utenti un servizio di tutto rispetto. Nessuno, infatti, avrebbe mai immaginato l’attacco del virus FlashBack subito dai Mac, eppure il problema c’è stato e ne hanno subito i danni migliaia di utenti.

Nello specifico, iCloud è stato raggiunto dalle classiche email di spam che tempo fa andavano a popolare le nostre caselle di posta elettronica. Non è successo ancora nulla di grave, dunque, ma è bene stare attenti.