iOS 6 e Facebook: la sincronizzazione mette a rischio la privacy

800px-Apple_Store_North_Michigan_Ave_Chicago_IL-2005-10-22_ROTATED

Dopo il grandissimo bug di cui abbiamo parlato ieri, anche oggi iOS 6 è finito sotto la lente di ingrandimento per nuovi problemi legati alla privacy, complice anche l’app di Facebook. Nulla di trascendentale, almeno rispetto alla falla nel sistema scovata nei giorni scorsi, ma in ogni caso è giusto analizzare un altro problema che, di fatto, viola la privacy degli utenti proiettati nel mondo dei social network.

A diffondere la notizia, il team di TechCrunch: il bug in questione consente di accedere alle informazioni riservate degli utenti senza necessità di conoscenza diretta. Sotto accusa ci sarebbe una feature di Facebook che, su iOS 6, risulta installata ed attivata di default.

Il problema nasce allorquando si chiede al sistema di aggiornare la rubrica allo scopo di sincronizzare i contatti di Facebook con quelli presenti proprio nella rubrica personale di iOS 6. Facebook, infatti, incamera tutti gli indirizzi email ed i numeri di cellulare presenti in rubrica e, grazie a questi dati, sempre Fb individua i contatti a cui corrispondono: così facendo, riesce ad aggiornare le schede contatti presenti nella rubrica di iOS 6 con tanto di immagine del profilo. Una sorta di do ut des, insomma.

Il problema è che la sincronizzazione funziona anche se vengono inseriti dei numeri di cellulare sbagliati: in poche parole, seppure un profilo Facebook è blindato, associando ad un contatto un numero di telefono casuale nella rubrica di iOS 6, questa incamera tutte le sue informazioni personali presenti su Fb, compreso il numero di telefono corretto.

Dunque, in questo modo le informazioni personali degli utenti Facebook, sebbene protette, riescono ad arrivare nelle mani di un utente che usa iOS 6. Per ovviare a tutto ciò, occorre chiedere a Facebook che le proprie informazioni personali possano essere condivise solo con gli amici.