iPad Mini: Steve Jobs non avrebbe mai voluto

Stevejobs

Se l’iPhone 5 è in testa ai pettegolezzi, non bisogna dimenticare che molto probabile è anche l’arrivo di un iPad Mini entro l’anno. Molte indiscrezioni lasciano pensare che il modello in miniatura del tablet della Apple potrebbe anche arrivare nel mese di settembre 2012.

Non ci sono conferme ufficiali ma quella che prima sembrava un’utopia, durante questa estate ha ormai preso forma in maniera convincente. Perché fin’ora tanta ritrosia? Ebbene, forse molti non sanno che il principale oppositore di iPad Mini è sempre stato proprio Steve Jobs.

Dunque, fin quando era invita il genio, nessuno ha mai osato parlarne! Steve pensava che un display di circa sette pollici non avrebbe rappresentato altro che un iPhone troppo grande ed un iPad troppo piccolo. Enorme per telefonare e piccolo per navigare insomma.

Per anni tutti i membri del consiglio di amministrazione della Apple che pensavano di non lasciar sguarnito il mercato dei mini tablet si sono scontrati con il veto posto da Jobs. Adesso, a quasi un anno dalla sua morte, un po’ tutti sembrano essere stati persuasi dalla possibilità di ricavare introiti anche dalla vendita di un piccolo tablet a marchio Mela.

In questo modo la Apple intende far concorrenza ai mini tablet storici ed a quelli in arrivo. L’iPad Mini vuole, insomma, essere un device più accessibile sia in termini economici che in termini di maneggevolezza e non ha nessuna intenzione di partire sconfitto. La Apple non vuol perdere terreno con il futuro ed è chiaro che la scommessa è tutta da giocarsi. Staremo a vedere se aveva ragione Jobs oppure no…