iPhone 5: cosa avrà in più?

iphone5_slim_def

Navigando in rete è facile incappare in commenti e apprezzamenti più o meno devoti verso tutte le prodigiose invenzioni della casa di produzione di Steve Jobs. Tra questi, uno in particolare, pubblicato il 3 luglio sul portale slate.com, metteva in evidenza una problematica di non poco conto.

L’autore del post, Farhad Manjoo, già seguace della Apple sin dall’uscita del primo iPhone, dopo aver esaltato l’originalità, la semplicità e la funzionalità dei prodotti a marchio mela, e dopo aver ripercorso storicamente le caratteristiche che hanno contraddistinto questi prodotti (restituendogli tutta l’esclusività per cui oggi sono tanto apprezzati), si arresta, chiedendosi: And yet the iPhone sure has become boring, hasn’t it?.

Anche i più devoti sostenitori dell’azienda di Cupertino non possono svincolarsi dalla criticità che naturalmente emerge guardandosi attorno nell’odierno panorama tecnologico: in un mondo popolato da molteplici modelli dei più svariati smartphone e da dispositivi tecnologici tutti ugualmente avanzati, il nuovo iPhone cosa sarà in grado di offrire in più agli utenti rispetto a quanto non facciano gli equivalenti delle altre case di produzione?

È proprio questo che si domanda l’autore del post il quale, agognando il prodigio del primo iPhone lanciato sul mercato, sembra voler invitare la Apple ad offrire qualcosa di più, qualcosa che nessun altro è in grado di offrire. Probabilmente sarà l’uscita dell’iPhone5 a rivelare se le aspettative saranno attese.

Per il momento alcune indiscrezioni svelano che il nuovo iPhone5  dovrebbe essere dotato di un processore ARM   quad core basato sull’architettura Exynos 4 di Samsung (talmente diverso dai precedenti da poter essere chiamato Apple A6), un display da 4 pollici di diagonale ed una risoluzione di circa 1136 x 640 pixel.

Discostandosi dall’abituale pratica di presentare un nuovo processore installandolo prima sull’iPad e successivamente sull’iPhone in versione a frequenza ridotta, l’iPhone 5 non sarò dotato dell’Apple A5x a causa delle dimensioni, dei consumi e dell’elevato surriscaldamento. Basterà tutto questo a non farci annoiare?