iPhone 6: Foxconn affida la produzione ai robot

800px-Electronics_factory_in_Shenzhen

Nella Foxconn è davvero tutto pronto: si scaldano i motori in vista di iPhone 6 ed a quanto pare l’obbiettivo è già quello di accelerare la produzione, sebbene essa stessa non sia ancora partita. Non più solo operai ma anche robot: questa la grande e nuova sfida dell’azienda cinese che, a quanto pare, è davvero intenzionata a consegnare i nuovi melafonini in tempi rapidi e senza problemi.

Durante la recente conferenza dedicata agli azionisti, infatti, Terry Gou – CEO di Foxconn – ha affermato l’imminente arrivo dei robot all’interno della catena di montaggio.

Non è un caso che l’annuncio sia arrivato proprio adesso: il primo cliente che ne trarrà beneficio, infatti, è proprio la Apple per la quale sta per entrare in produzione iPhone 6. In Foxconn l’argomento non è certo nuovo e l’assunzione di cento nuovi operai ci aveva indotto a pensare che anche per questa volta i robot avrebbero aspettato.

Invece le parole del CEO dell’azienda cinese non lasciano davvero spazio all’immaginazione. L’intenzione – almeno nelle belle parole dei dirigenti della Foxconn – è quella di affidare ai robot le operazioni più noiose oppure più pericolose che oggi vengono svolte dagli operai.

Stiamo parlando, infatti, di macchinari umanoidi molto curati che sul lungo periodo dovrebbero ridurre i costi ed aumentare la produttività.

Di solito siamo restii all’introduzione dei robot: così facendo, infatti, si riduce il numero di persone occupate. In Cina, però, la Foxconn ha causato già molti suicidi a causa delle pessime condizioni di lavoro degli operai. Dunque, in questo caso ben vengano i robot se possono porre fine allo sfruttamento del lavoro.

 

800px-Electronics_factory_in_Shenzhen