Liz Taylor morta, omaggi “smart” dal mondo digitale

liz taylor morta

Ricordo ancora quando nel mio primo iPhone c’era una immagine in filigrana con colori fosforescenti come sfondo del display, si vedevano, fotografati in primo piano americano, Vincent Vega e Jules Winnfield, i due protagonisti di Pulp Fiction.

Da lì poi, tramite lo stesso sito Internet dove avevo reperito quella immagine, piazzai una bella immagine di Marylin Monroe, che mi durò per pochissimo tempo, e anche una di James Dean, e un’altra dell’immancabile padrino di Marlon Brando.

Oggi allora, alla triste notizia della scomparsa di Liz Taylor, quella che viene definita dai più appassionati “l’attrice dagli occhi viola” o “l’ultima vera star della Hollywood d’oro”, mi son tornate in mente le immagini digitali delle celebrities del mondo del cinema delle quali vi parlavo in apertura.

E mi son reso conto, andando a fare un paio di ricerche sul web, che sull’App Store esistono decine e decine di applicazioni dedicate ai figli di Hollywood (e ho recuperato anche un bel wallpaper tratto dal disegno che Andy Warhol dedicò all’attrice). Su Liz Taylor, ad esempio, ci sono le apps delle colonne sonore dei suoi film più di successo (La Gatta Sul Tetto Che Scotta, 1958, Chi Ha Paura Di Virginia Woolf, 1966, e Cleopatra, 1963, su tutti).

Altre apps riguardano featurettes e trailer delle pellicole rimaste nella storia del cinema e con Liz Taylor protagonista. Ci sono anche videogiochi spin-off dei film, alcuni tutorial sui film in costume e sul make-up dell’attrice, ed una serie di apps che riportano ai social network degli appassionati di cinema. Nulla di interattivo, ma comunque qualcosa per contribuire al giusto omaggio alla morte della bellissima Liz. Riposa in pace stella, anche da parte nostra.