Macintosh: lo spot del secolo compie 30 anni

Ad_apple_1984

Oggi compie 30 anni lo spot del Macintosh: era il 22 gennaio del 1984, infatti, quando la Apple introduceva un video promozionale destinato a restare nella storia per la sua forza innovatrice e per il prodotto stesso che pubblicizzava: il Macintosh, infatti, era esso stesso una macchina rivoluzionaria che avrebbe cambiato il rapporto dell’utente medio con i computer.

Lo spot, ideato da Brent Thomas, ha fatto storia per la capacità dissacrante, per i toni altisonanti e per la riuscitissima operazione volta a rappresentare la visione che Apple aveva del futuro ed i contenuti innovatori del suo nuovo Macintosh.

In incipit una folla anonima calata in un atmosfera grigia appare sullo schermo fin quando la corsa di un’eroina in maglia bianca con su un disegno raffigurante il Mac irrompe sulla scena. Man mano che le immagini scorrono si arriva alla distruzione del veicolo educativo rappresentato, tra l’altro, da un discorso in stile dittatoriale.

Al momento topico dello spot è associato il simbolo della Apple insieme allo slogan: <<Il 24 gennaio Apple Computer introdurrà Macintosh. E vedrete perché il 1984 non sarà come 1984>>.

Il riferimento al lavoro di Orwell è palese e l’intero spot è finalizzato a scongiurare i rischio del grande fratello orwelliano grazie all’avvento di un Macintosh in ogni casa. Lo spot è stato premiato come migliore spot del secolo e nel 1984 il giudizio era più che valido.

Certo, il Grande Fratello è arrivato comunque a dominare la scena Occidentale ma, di sicuro, tutti coloro che detengono un pizzico di cultura sanno bene come difendersi.

 

Ad_apple_1984