Prime Sense: anche Apple conferma l’acquisizione

Prime Sense: anche Apple conferma l'acquisizione

Tanto tuonò, che piovve. Mai modo di dire fu più appropriato in questa particolare situazione. Apple ha infatti confermato ufficialmente di aver acquistato l’azienda PrimeSense per la cifra di 345 milioni di dollari (nemmeno troppo cara per le medie alle quali siamo abituati nel recente passato). Come forse molti già sapranno, la notizia ha un’importanza fondamentale in quanto l’azienda israeliana è la creatrice di numerose tecnologie per il rilevamento degli oggetti via webcam. In altre parole, è la creatrice del sistema che sta alla base del Kinect di Microsoft.

Cosa ci vuole fare Apple? Ovviamente non certo buttarsi nel mercato delle console con una periferica identica a quella di Redmond. Almeno non per ora. In realtà dalla Mela non sono ancora filtrate indiscrezioni circa il reale utilizzo di questa tecnologia. Sono diverse le supposizioni fatte fino ad ora, ma alcune sembrano raccogliere più credito di altre.

Le ipotesi che sembrano più concrete parlano di nuove feature da inserire sui futuri modelli di iPhone e iPad. Se non i prossimi caratterizzati dal numero “6”, almeno quelli di generazione successiva. Un simile sistema potrebbe rendere possibile l’integrazione di nuove gesture e comandi senza il tocco fisico dell’utente. Oppure una tastiera virtuale proiettata sul tavolo, come mostrato da un vecchio concept. Un’altra ipotesi, però, vede questa tecnologia integrata nella sempre più chiacchierata iTV, la televisione ad alta definizione di Apple di cui si parla da anni e che fino ad oggi non è mai arrivata sul mercato. Sarà forse questo il segnale che il progetto ha ottenuto finalmente il semaforo verde?

Prime Sense: anche Apple conferma l'acquisizione