Samsung, pubblicità 2012: gli utenti Apple diventano iPecore

250px-Samsung_Galaxy_Note

Era il 1997 quando Steve Jobs, tornato alla Apple, affidò la campagna pubblicitaria per il rilancio dell’azienda alla stessa agenzia degli albori, in grado di stravolgere il modo di pubblicizzare un computer. All’epoca nacque ufficialmente il Think Different.

Da allora queste due parole hanno sempre accompagnato la Apple nelle sue evoluzioni e nel successo che ormai le arride da oltre dieci anni in maniera incontrastata. Proprio per questo, gli avversari sanno bene che per vincere devono per prima cosa riuscire a convincere tutti i Mac user che il pensiero folle e differente, tanto osannato da Apple, in realtà non risiede affatto nei device di Cupertino.

Fra tutti i competitor, la Samsung è di sicuro l’azienda che più insiste sul dipingere gli utenti Apple come delle pecore ammaestrate, tutte ammansite dal pensiero unico della Mela. Proprio per questo, con la campagna stampa presto dedicata al Samsung Galaxy 3, l’azienda coreana ha deciso di colpire a fondo  definendo gli amanti di iPhone ed iPad come delle iSheep (iPecore, insomma) così ammaliate da Cupertino da non riuscire a rendersi conto della qualità degli altri prodotti in commercio.

Il video è stato pubblicato su thenextgalaxy.com e mostra un grande vortice di software Apple da cui l’utente è quasi aggredito. La luce che si intravede alla fine del lungo e buio corridoio vuole, secondo la Samsung, rappresentare la possibilità di salvarsi.

Insomma, così come la Apple, anche la Samsung ha deciso di puntare ad un’operazione di marketing in cui i suoi utenti si debbano sentire diversi dagli altri. Ciò che dovrebbe preoccuparci, però, è il fatto che secondo le grandi aziende noi consumatori siamo sempre, in un modo o nell’altro, pecore. Stiamo attenti…