Apple: presto l’iPod potrebbe uscire di produzione

L’iPod potrebbe andare fuori produzione? C’è chi comincia a pensarci. Sin dall’introduzione poche settimane fa del nuovo iPad mini, infatti, alcuni osservatori hanno pensato che un dispositivo identico all’iPhone, ma con meno potenzialità, potesse avere vita breve sul mercato. Il nuovo tablet da 7,9 pollici, infatti, renderebbe competitivo anche il tablet della Mela, rendendo superfluo l’acquisto di un semplice lettore Mp3 non in grado di telefonare. Il prezzo di 329 €, infatti, è valido per entrambi. Il concetto è stato persino ribadito da Ming-Chi Kuo, analista cinese della società Kgri. Secondo l’esperto di mercato, l’iPod Touch è destinato ad uscire di produzione nel giro di due anni.

Sarebbe la fine di un’era, dato che l’iPod, più di ogni altra cosa, ha sancito l’abbandono da parte di Apple del mercato di nicchia per fiondarsi in quello di largo consumo. Nel 2001 il primo iPod ha senza dubbio salvato Apple dal fallimento, rappresentando una delle intuizioni più geniali mai avute da Steve Jobs. Le vendite dell’iPod, tra l’altro, sarebbero in calo sin dal 2009, dopo che in due anni il Melafonino si era imposto anche come riproduttore sonoro.

Ci sono, però, alcuni elementi che Kuo non considera. Innanzitutto le dimensioni. L’iPad mini non può stare in una tasca ed è sempre necessario portare con sé una borsa. Un ostacolo non da poco per un dispositivo che dovrebbe permettere di ascoltare piacevolmente musica mentre, ad esempio, si è in giro per shopping. L’iPod Touch è compatto e può stare in tasca. Certo, anche l’iPhone, che però nella sua versione più economica costa comunque il doppio di un iPod. Insomma, forse il lettore Mp3 più famoso del mondo non sta scomparendo, ma si sta solo ridimensionando.

Germana
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica