Art Clokey, un logo Google per il genio di Detroit

Art Clokey (1921-2010) è stato un artista molto famoso e apprezzato per le sue particolarissime animazioni in stop motion, in un’epoca dove l’animazione al computer era più fantascienza che un’idea realizzabile. Oggi Google ha celebrato il 90° anniversario della sua nascita con un doodle dedicato a lui, dove si possono vedere in azione alcuni dei suoi personaggi più riusciti. Clokey, infatti, era solito animare questi buffissimi personaggi con la tecnica dello “stop motion”, il che significa che spostava a mano questi omini su una scenografia preparata per l’occasione, li fissava e poi scattava una foto. In seguito spostava di pochi millimetri le parti anatomiche dei protagonisti e scattava una seconda foto. Così facendo il risultato era un cartone animato molto particolare. Forse un po’ scattoso, ma talmente efficace da rendere questa tecnica efficace ancora oggi (The Nightmare Before Christmas di Tim Burton, per fare un esempio).

Per un solo secondo di animazione erano necessari ben 12 scatti. Un lavoro immane, che però Clokey ha svolto per anni con incredibile passione. Il suo primo film si intitolava Gumbasia e uscì nel 1955. Il protagonista era Gumby, ancora oggi uno dei personaggi più popolari degli Stati Uniti. Il film, tra l’altro, era un vero e proprio omaggio a Fantasia di Walt Disney, uscito circa 15 anni prima nei cinema. I suoi personaggi di argilla divennero subito famosissimi e i sequel non si fecero attendere. Nel 1963 uscì The Clay Peacock, mentre nel 1977 fu la volta di Mandala.

Clokey collaborò con diversi altri lavori di animazione, tutti caratterizzati dalla sua “claymation”, come veniva chiamata la tecnica. Morì nel gennaio dello scorso anno, ma come vedete negli Stati Uniti il suo ricordo è ancora vivido e forte, così come i suoi particolarissimi amici di argilla. Se volete dare un’occhiata ai suoi, film, li trovate facilmente su YouTube.

Germana
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica