Chip A8: Apple pensa al made in Taiwan

Fra un’indiscrezione e l’altra, oggi non possiamo che soffermarci sul tanto chiacchierato Chip A8: stiamo parlando del processore che, molto probabilmente, sarà collocato su iPhone 6 e su iPad Pro e che a quanto pare potrebbe presto andare il produzione. Vero o falso? In questa sede preferiamo sempre agire con onestà e non ingannare i lettori: di ufficiale, infatti, non c’è nulla ed ovviamente la Apple vorrebbe riuscire a tenere i suoi progetti segreti il più a lungo possibile.

Il Chip A8, però, potrebbe essere presto una necessità giacché, sebbene più che mai innovativo, l’attuale A7 a 64 bit potrebbe essere superato dal processore dell’ormai atteso Samsung Galaxy S5. Le ultime indiscrezioni, dunque, ci dicono che la Apple avrebbe commissionato l’assemblaggio del nuovo Chip A8 ad una serie di società con sede a Taiwan.

A diffondere l’indiscrezione ci ha pensato lo staff di DigiTimes. La Apple, si legge nella nota, avrebbe già assegnato tutti gli ordinativi per l’assemblaggio in una sola soluzione di CPU e memorie DRAM. Fra i nomi più gettonati in grado di assemblare i Chip A8 possiamo annoverare Amkor Technology e STATS ChipPAC per un totale dell’80% della produzione. Il 20 % rimanente, invece, dovrebbe essere gestito dalla Advanced Semiconductor Engineering.

Indiscrezioni del passato, invece, ci confermano che la produzione dei Chip A8 veri e propri dovrebbe essere affidata alla più sicura TSMC. Anche in questo caso, però, non si conoscono esattamente tempi e modi della produzione stessa.

Certo è che in casa Apple le cose si muovono in maniera rapida e, dunque, la prossima primavera potrebbe essere già ricca di novità!

 

800px-Tsmc_factory_hsinchu

Germana
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica