Nuovo MacBook Air 2012, sarà sempre più sottile

Ci sono alcune novità presentate allo scorso CES di Las Vegas che forse sono passate un po’ nell’anonimato, ma che potrebbero rivoluzionare a breve la struttura dei nostri computer. In particolare il MacBook Air, già molto sottile, potrebbe davvero arrivare ad essere ancora più piccolo di quanto non sia già. Tutto per merito della batteria.

Intel, infatti, ha affrontato con molto entusiasmo i progetti dei futuri ultrabook, i computer portatili che, come il MacBook Air, hanno uno spessore massimo compreso nei 18 mm. La maggior parte di questa dimensione è causata dalla presenza della batteria, che nel caso del computer di Apple è di forma cilindrica. Questo potrebbe essere cambiato grazie alle batterie prismatiche, un nuovo concept che consentirebbe di produrre delle riserve di energia dallo spessore massimo di 6,5 mm. Inutile dire che con una batteria di questo tipo il MacBook Air potrebbe nuovamente battere qualsiasi record di dimensione, diventando una sorta di potentissimo foglio di carta velina presente nelle nostre borse.

Ovviamente questa tecnologia è ancora agli inizi e occorrerà attendere un po’ prima di poterla vedere davvero in azione. Inoltre non è detto che sarà per forza la Mela di Cupertino la prima ad occuparsi di questo sistema, ma la storia ci insegna che se un’idea è veramente buona, allora probabilmente sarà proprio la Apple una delle prime ad integrarla nei suoi sistemi. Tim Cook e compagnia si sentiranno dare dei folli per l’ennesima volta, ma di solito quelli che hanno criticato Apple si sono sempre dovuti rimangiare ogni singola critica. Pensiamo che l’abitudine non cambierà proprio ora.

Germana
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica